InPresa - n.57 del 05/15/2015

 

Nasce Confindustria Venezia - Area Metropolitana di Venezia e Rovigo

Le Assemblee Straordinarie di Confindustria Venezia e di Unindustria Rovigo hanno deliberato la nascita di Confindustria Venezia - Area Metropolitana di Venezia e Rovigo. Si tratta della prima fusione di due Associazioni Confindustriali del Veneto, che segue i principi della Riforma Pesenti, in coerenza anche con la costituzione della neo Camera di Commercio di Venezia, Rovigo e Delta lagunare.

La nuova Associazione conta oltre 1.600 soci (140 appartenenti alla Grande Industria), capaci di raggiungere un fatturato complessivo di 26,5 mld di euro e di dare lavoro ad oltre 67.000 addetti. Notevole anche la nuova estensione territoriale che comprende tutta la fascia litoranea veneta. Da segnalare la presenza di ben 4 distretti produttivi d’eccellenza riconosciuti dalla Regione: Vetro (Murano), Calzature (Riviera del Brenta); Ittico (Venezia, Chioggia e Rovigo); Giostra (Rovigo).

Venezia e Rovigo hanno deciso di aggregarsi, dopo un percorso di reciproca valutazione e avvicinamento, per costruire una rappresentanza più ampia e compatta che mantiene però la propria prossimità nei confronti degli associati e per aiutare le aziende nello sviluppo di una business community allargata come elemento di reciproco arricchimento.

Durante il periodo transitorio di assestamento, il Presidente dell’Associazione sarà l’attuale Presidente di Confindustria Venezia, mentre il Presidente di Unindustria Rovigo assumerà la carica di Vice Presidente con delega al territorio di Rovigo. La Giunta (che si chiamerà Consiglio Generale) e il Consiglio Direttivo (che diventerà Consiglio di Presidenza) saranno la somma degli attuali organi in vigore, deliberando quindi in maniera congiunta.

“Oggi è stata per Venezia e Rovigo una giornata epocale – hanno dichiarato a margine delle assemblee di venerdì scorso i presidenti Matteo Zoppas e Gian Michele Gambato – che segna per il sistema confindustriale veneto un vero spartiacque. Vogliamo ringraziare tutti i nostri associati che hanno partecipato numerosi e che, in questo anno di lavoro, hanno dato il loro contributo fattivo affinché le aggregazioni avvenissero sotto i migliori auspici. Facciamo questo per essere un passo avanti, per rispondere alle richieste delle imprese associate che vogliono avere un peso maggiore nei confronti di stakeholder e istituzioni, servizi a maggior valore strategico e un sistema confindustriale più semplice ed efficiente”.

“La nuova Confindustria che nasce – hanno concluso Zoppas e Gambato – grazie all’estensione dei confini e alle più ampie peculiarità territoriali, ci permetterà di essere il riferimento per tutte quelle imprese nonché un polo di attrattività per nuovi investimenti produttivi”.

Questo processo è stato un lungo lavoro - che ha visto coinvolti attivamente 16 imprenditori di entrambe le associazioni suddivisi in 4 gruppi di lavoro su temi specifici - che è passato dapprima attraverso il recepimento della Riforma Pesenti, poi per l’approvazione in Direttivo e in Giunta e soprattutto è stato gestito in stretto coordinamento con Confindustria nazionale che ha validato le diverse soluzioni adottate, compreso il nuovo testo statutario.

Infine l'assemblea veneziana ha anche deliberato la fusione con l’ACRIB l’associazione dei Calzaturieri del Brenta, garantendo il mantenimento della rappresentanza settoriale e del distretto, oltre ad un presidio territoriale dedicato.
"Il percorso di fusione tra Confindustria Venezia ed Acrib – ha commentato Siro Badon, Presidente Acrib - è un importante segnale verso il nuovo modo di rappresentare le aziende e dare loro servizi. Noi Acrib condividiamo pienamente quanto avviato da Matteo Zoppas con il quale ci sentiamo in piena sintonia. Siamo certi che da tutto ciò le aziende calzaturiere della Riviera del Brenta potranno trarre ulteriori supporti per la loro attività e presenza sui mercati mondiali".

Per informazioni: Mario Damiani 041.5499138

Galleria fotografica su Facebook