Comunicati e atti eventi

 
Venezia, 12 Giugno 2018

Posizionamento e destagionalizzazione: le linee guida di Confindustria Venezia Rovigo per il turismo

Mercoledì, nella sede della Collezione Peggy Guggenheim, si è tenuto il Direttivo della sezione Turismo di Confindustria Venezia Rovigo, ospite della direttrice Karole Vail

Venezia/Rovigo, 22 giugno 2018 – Si è riunito mercoledì a Venezia il Direttivo della sezione Turismo di Confindustria Venezia Rovigo, nella sede della Collezione Peggy Guggenheim, ospite della direttrice Karole Vail. Nel corso dell’incontro si sono affrontati i temi legati alla valorizzazione turistica di Venezia e alle relative problematiche alle quali è quanto mai necessario trovare delle soluzioni condivise con tutti gli stakeholders.

È emerso come sia importante operare per un posizionamento di Venezia su una fascia di mercato alta: “In questo modo – ha dichiarato François Droulers, presidente della sezione Turismo di Confindustria Venezia Rovigo – l’indotto creato dal turismo di fascia alta potrebbe rivitalizzare l’attività artigianale veneziana ed invertire il trend di cessazioni di attività creando le condizioni per un contributo al ripopolamento del centro storico. Le scelte strategiche dell’amministrazione devono indirizzarsi verso la valorizzazione e tutela del patrimonio cittadino del quale fa parte anche l’attività alberghiera tradizionale. Abbiamo senza dubbio apprezzato l’intervento dell’amministrazione in ambito commerciale con il divieto di rilascio licenze per l’attività di take away e streetfood.”

All’operazione di posizionamento andrebbe aggiunto un intervento di destagionalizzazione. “I flussi – ha aggiunto Droulerssono concentrati in sei mesi. Devono essere favorite nuove produzioni di eventi, bisogna rendere flessibili i prezzi dei biglietti del trasporto pubblico, dei musei e dei teatri, favorendo le visite nelle stagioni meno frequentate. La cultura è centrale per il posizionamento della città. L’arte antica, moderna, la musica e le tradizioni sono elementi fondamentali della proposta turistica veneziana. Da un lato il sistema museale offre un prodotto di altissima qualità, dall’altro probabilmente andrebbe sostenuto con un’attività di marketing culturale che interessi tutte le realtà di produzione culturale della città, così da intercettare la motivazione di viaggio del turista internazionale.”

A un anno dal mio insediamento come direttrice della Collezione Peggy Guggenheim – ha concluso la Dott.ssa Vail a margine dell’incontro – sono stata molto lieta di ospitare il direttivo della sezione Turismo di Confindustria Venezia Rovigo al Museo per un proficuo scambio di visioni e opinioni, auspicando di continuare insieme un percorso di valorizzazione dell'esperienza culturale di questa meravigliosa città.