Comunicati e atti eventi

 
Venezia, 4 Luglio 2018

Banco Bpm e Confindustria Venezia Rovigo sottoscrivono il "Plafond Venezia-Rovigo"

Banco BPM mette a disposizione 400 milioni di euro per le imprese associate che investono, innovano e creano occupazione. Il Presidente di Confindustria Venezia e Rovigo Vincenzo Marinese: “Accordo importante perché punta sul tessuto produttivo della nostra Area”

Venezia/Rovigo, 4 luglio 2018 – Una nuova opportunità per supportare le Pmi del territorio nell’accesso al credito è offerta dall’accordo sottoscritto da Confindustria Venezia Rovigo, dal Presidente Vincenzo Marinese, e Banco BPM rappresentata da Leonardo Rigo responsabile Direzione Territoriale di Verona e Nordest e Enrico Lemmo responsabile del Mercato Corporate Nord Est. L’iniziativa, denominata Progetto Plafond Venezia - Rovigo, stanzia risorse per un importo complessivo di 400 milioni di euro.

Condizioni particolarmente migliorative sono previste per il finanziamento degli investimenti destinati ad innovazione tecnologica (modello Industry 4.0) e a quelli in grado di generare un ritorno in termini di incremento occupazionale, supportato dagli incentivi fiscali sulle nuove assunzioni previsti dalla Legge di Bilancio 2018 (Bonus assunzioni giovani 2018 e 2019). L’entità dei benefici economici proposti alla singola impresa associata sarà correlata al merito creditizio e ad altri aspetti qualitativi dell’impresa, che la banca valuterà nell’ambito delle proprie analisi di merito circa la finanziabilità, anche mediante il supporto di specifico materiale informativo presentato dell’impresa richiedente.

“È un accordo importante con un istituto di rilievo, che identifica un territorio e un valore, in quanto punta sul tessuto produttivo della nostra Area - dichiara il Presidente di Confindustria Venezia e Rovigo Vincenzo Marinese -. L’accordo rappresenta inoltre un’occasione, nel percorso avviato da tempo con le Confindustrie, per valutare in termini qualitativi e non soltanto quantitativi, le aziende. In altre parole, non ci si affida solo al bilancio ma si valutano anche gli asset e il piano industriale di ogni imprenditore. Quanto all’importo messo a disposizione, 400 milioni di euro, non ha bisogno di ulteriori commenti” ha concluso.

Tra gli strumenti previsti dall’accordo, vi sono finanziamenti per il sostegno all’occupazione, finanziamenti per le grandi imprese con erogazione differita o erogazione a tranches, mutui con covenant commerciali e il mutuo imprese flessibile.

Plafond Venezia - Rovigo include poi finanziamenti speciali che utilizzano fondi veicolati dalla Banca Europea per gli Investimenti, dalla Cassa Depositi e Prestiti, dal Fondo di Garanzia per le Piccole e Medie Imprese, dal Fondo Europeo per gli Investimenti, tramite lo strumento di garanzia InnovFin Sme Guarantee, dall’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare, da SACE e cofinanziamenti a valere su strumenti agevolativi nazionali/regionali.

Previsto anche il Credito di Filiera, che permette alle aziende fornitrici strategiche e ricorrenti di imprese associate, di avere accesso al credito in via preferenziale, con risposte di fattibilità rapide e a condizioni migliori.

Banco BPM mette inoltre a disposizione il plafond già deliberato e dedicato ai settori Food & Beverage e Altre Commodities (settori con caratteristiche di fungibilità dei prodotti finiti, ma anche le materie prime e semilavorati), da utilizzare per operazioni di finanziamento del magazzino.

Non mancano soluzioni studiate a favore delle Reti di Impresa, per supportare le imprese associate interessate ad approcciare o consolidare la loro presenza sui mercati esteri, anche attraverso servizi come You World, il Portale Informativo Banco BPM, all’interno del quale sono assemblate, razionalizzate e presentate le informazioni utili agli operatori che già operano o vogliono iniziare ad operare con l’Estero. You Trade Finance, invece, permette di gestire telematicamente l’operatività in estero merci. Particolarmente innovativo il servizio YouInvoice, piattaforma informatica che consente di soddisfare i nuovi vincoli legislativi di obbligo della Pubblica Amministrazione.

A completare l’accordo, la disponibilità da parte di Banco BPM ad organizzare incontri, anche con il contributo di società specializzate del Gruppo, sui temi della finanza strutturata, sulle nuove forme di finanziamento (crowdfunding) e sulle nuove frontiere per lo sviluppo dei mercati.