Comunicati e atti eventi

 
Venezia, 2 Novembre 2015

Riviera del Brenta: le categorie incontrano il sottosegretario Zanetti e i parlamentari veneti

“Prevedere in Legge di Stabilità la deducibilità totale dei costi di ripristino delle aziende colpite”

La devastazione operata dal tornado dello scorso 8 luglio che ha messo in ginocchio tre Comuni della Riviera del Brenta è ancora sotto gli occhi di tutti.

I soli danni diretti ammontano ad oltre 70 milioni di euro e nonostante i continui appelli, a quasi tre mesi di distanza, nessuna risorsa è arrivata da parte del Governo centrale.

Al fine di definire le azioni più utili e rapide a sostegno delle attività economiche locali, da inserire all’interno della Legge di Stabilità, le Associazioni veneziane di Confindustria, Confartigianato, Confcommercio, Coldiretti e Cia hanno incontrato oggi – presso le Cantine Riviera di Dolo - il Sottosegretario Zanetti e una delegazione di Parlamentari veneti del PD, della Lega, del Movimento 5 Stelle e di Forza Italia. Un confronto aperto a cui hanno partecipato anche i Sindaci di Mira (Alvise Maniero) e di Dolo (Alberto Polo).

Il provvedimento più urgente invocato da tutte le categorie è la richiesta di deducibilità totale delle spese di ripristino di capannoni, impianti e attrezzature per le imprese colpite dal tornado.

Senza un intervento che modifichi la normativa attuale - a differenza di quanto accaduto in altre situazioni interessate da calamità naturali (come il terremoto dell’Emilia Romagna) - tutti i costi sostenuti dagli imprenditori per far ripartire le aziende ed evitare ricadute economiche e occupazionali per il territorio, sarebbero infatti sottoposti a tassazione.

Ciò metterebbe le aziende in ulteriore difficoltà: costrette da un lato ad attingere a capitali e risorse già molto compromesse a causa della crisi economica, dall’altro a dover far fronte alle pressanti scadenze fiscali di metà novembre, come i versamenti Iva e il pagamento dell’Imu, dovendo ricorrere in alcuni casi anche all’indebitamento bancario.
Questa proposta, anticipata ad agosto da Confindustria Venezia al Sottosegretario Zanetti e poi consegnata al Presidente del Consiglio Matteo Renzi lo scorso 16 ottobre in occasione della sua visita a Venezia, è stata condivisa e rafforzata grazie all’apporto di Confartigianato, Confcommercio, Coldiretti e Cia di Venezia.

“E’ indispensabile che Governo e Parlamento, durante la discussione della Legge di Stabilità, trovino una soluzione concreta a favore dei privati colpiti da calamità naturali”. – dichiarano le categorie – “Le aziende hanno subito danni pesantissimi ed in questo momento riteniamo sia necessario fare quanto più possibile per tutelare il sistema produttivo della Riviera del Brenta. I cittadini hanno dimostrato una solidarietà reciproca incredibile che però non può essere sufficiente”.

“Abbiamo ricevuto – proseguono i rappresentanti delle categorie - sia da parte del Sottosegretario Zanetti che da parte dei parlamentare veneti grande vicinanza alle istanze delle imprese e la disponibilità, anche attraverso la creazione di un gruppo di lavoro dedicato, a sostenerne le ragioni e ad individuare le azioni più utili da sottoporre all’attenzione del Governo per venire incontro alle esigenze di un territorio così duramente colpito”.