Comunicati e atti eventi

 
Venezia, 18 Febbraio 2019

Confindustria Venezia, Cgil, Cisl e Uil insieme per il benessere e la sicurezza nei luoghi di lavoro

Confindustria Venezia e Rovigo, Cgil, Cisl e Uil insieme per il benessere la sicurezza nei luoghi di lavoro. Al via il ciclo di incontri organizzato dall’Organismo Paritetico Provinciale di Venezia (OPP), rivolto ai Responsabili Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP) delle imprese associate a Confindustria e ai Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS). Il percorso formativo si inserisce nel progetto “Veneto in Azione: Capitale Umano e Innovazione”, promosso dalla Regione del Veneto e cofinanziato dal POR FSE 2014-20.

Il primo appuntamento si è svolto oggi nella sede dell’Associazione degli Industriali di Venezia e Rovigo, a Marghera. Al centro del seminario, gli strumenti di gestione della sicurezza e le linee di tendenza europee, per scoprire come agiscono i Paesi più all’avanguardia, affinché la prevenzione del rischio diventi una forma mentis. Sono intervenute Fabiola Leuzzi, membro del Comitato Consultivo salute e sicurezza della Commissione Europea per Confindustria e Cinzia Frascheri, Responsabile nazionale salute e sicurezza sul lavoro della Cisl. Hanno portato le proprie testimonianze aziendali Lorenzo Minto e Cristian Scarpa, RLS di Reckitt Benckiser S.p.A. e Luca Buoso, RSPP di Vecon S.p.A.

Obiettivo del progetto è l’attivazione di una trasformazione culturale in tema di prevenzione. L’iniziativa, inoltre, intende stimolare RSPP ed RLS ad una maggiore integrazione nel contesto aziendale, in un’ottica di circolarità – e dunque di concertazione – piuttosto che di contrapposizione.

Il ciclo di incontri proseguirà con altri tre appuntamenti, nella sede di Confindustria Venezia Rovigo, a Marghera. Il secondo, in programma per il 10 aprile, sarà dedicato a come può cambiare l’approccio alla sicurezza nell’Industria 4.0, una realtà in espansione che necessita di nuovi strumenti di analisi e modelli di azione. Il terzo seminario si terrà il 16 maggio e riguarderà le differenze di genere, l’invecchiamento negli ambienti professionali e le implicazioni di tali aspetti ai fini della valutazione del rischio. L’ultima data, in programma per il 13 giugno, metterà al centro il tema delle linee guida Inail sullo stress lavoro correlato.

Fra i relatori, saranno presenti: Elena Bonafè di Confindustria Venezia Rovigo; Erminia Attaianese, Docente di Tecnologia all’Architettura all’Università Federico II di Napoli); Teresa Boccia, Docente di Urbanistica all’Università Federico II di Napoli); Diana Gagliardi, membro del Dipartimento di medicina epidemiologia e igiene del lavoro di Inail Nazionale; Lorenzo Baraldo, docente di Ingegneria della sicurezza civile e industriale all’Università di Padova. Porterà la propria testimonianza aziendale Francesco Blasi di Komatsu Italia Manufacturing S.p.A.

Con grande piacere e profonda convinzione abbiamo collaborato all’organizzazione di questo evento, uno tra i primi in Veneto e in Italia, che mette insieme RSPP ed RLS, fra le figure più rilevanti in tema di salute e sicurezza nelle nostre fabbriche – dichiara il Vicepresidente di Confindustria Venezia Rovigo, con delega alle Relazioni Industriali Luca Fabbri –. La creazione di un una cultura comune, e condivisa, in quest’ambito rappresenta un obiettivo di miglioramento e di innovazione per le nostre imprese e può renderle ancor di più luoghi di sostenibilità e di inclusione”.

"L'idea di organizzare questo ciclo di incontri è nata dalla convinzione che solo attraverso le sinergie tra tutti i soggetti operanti nel sistema salute, sicurezza e protezione, si possano innalzare i livelli di tutela" commenta Nicola Criniti, Segretario Cisl Venezia.

"La storia dell'Assemblea annuale provinciale degli RLS, organizzata dal Cgil Cisl e Uil da 13 anni, aveva fatto emergere con chiarezza l'esigenza di un confronto diverso tra parti sindacali e datoriali, con l’obiettivo di creare una cultura condivisa, pur nel rispetto dei ruoli, su un tema così importante per il benessere delle persone, come quello della sicurezza" dichiara Silvana Fanelli, della Cgil veneziana.