18 12/19

Comunicati stampa / Dicembre 2019

Formazione tecnica, ITIS “Carlo Zuccante” e Confindustria Venezia insieme per l’innovazione

L’impegno dell’ITIS “Carlo Zuccante” di Mestre per l’innovazione, attraverso la valorizzazione della formazione tecnica, si rafforza grazie alla collaborazione, da oggi riconosciuta e strutturata, con il tessuto produttivo. È questo l’obiettivo del protocollo d’intesa firmato dal Dirigente dell’Istituto Marco Macciantelli e dal Presidente di Confindustria Venezia Area Metropolitana di Venezia e Rovigo Vincenzo Marinese.

Con la sottoscrizione dell’accordo, l’ITIS “Carlo Zuccante” predisporrà percorsi di dialogo scuola-lavoro e itinerari di orientamento. Promuoverà, inoltre, i profili di studenti in uscita per un loro inserimento nel Sistema associativo, attraverso l’attivazione di un apposito sportello.
Confindustria Venezia, avvalendosi della propria società di servizi Punto Confindustria, svilupperà una progettazione condivisa, per favorire un aggiornamento continuo dei programmi di studio, in risposta alle esigenze delle imprese. Offrirà, poi, su richiesta dell’Istituto proposte formative e stage aziendali in collaborazione con gli associati, metterà a disposizione le proprie competenze e le esperienze per analizzare i fabbisogni educativi. Promuoverà, infine, l’istruzione scientifica nel territorio, per incrementare le iscrizioni agli istituti tecnici.

Sin dalla nascita, avvenuta nel 1969, l’ITIS “Carlo Zuccante” ha offerto un piano di studi legato alle metodologie laboratoriali nei settori più avanzati dell’innovazione – informatica, telecomunicazioni, elettronica e automazione – e in stretta relazione con l’economia reale. Autonomia scolastica significa sempre di più apertura al mondo esterno – dichiara il DS dell’ITIS “Carlo Zuccante” Marco Macciantelli –. A ciò si unisce l’esigenza di un rilancio della formazione specialistica, per impostare profili professionali ben orientati verso i nuovi bisogni della società, in continuo mutamento. È in atto, infatti, una transizione dall’industria intesa in senso classico, ad un’industria ad alto tasso di tecnologia. Con questo protocollo d’intesa, unito ad altre misure da noi attuate, vorremmo orientare gli obiettivi dell’Istituto, affinché continui ad operare sulla frontiera più evoluta della competenza tecnica”.

“Il consolidamento e la crescita di un sistema industriale sono fortemente condizionati dalla disponibilità di personale qualificato. Un capitale umano che possieda competenze necessarie allo sviluppo delle capacità innovative imposte dalla dinamica del confronto internazionale – commenta il Presidente Vincenzo Marinese –. Condividiamo, dunque, la necessità di orientare gli sforzi nel senso della ricerca, dell’avanzamento tecnologico, per potenziare le risorse del territorio e per mantenere elevato il livello socio-economico della nostra area metropolitana”.