21 10/22

Al via 36^ UYN Venicemarathon

Il sipario della 36^ UYN Venicemarathon si è ufficialmente alzato martedì scorso all’M9, il Museo multimediale del ‘900 di Mestre, che ha ospitato la presentazione della manifestazione che quest’anno, accanto alla maratone e 10K, vedrà disputarsi anche la 1^ UYN Venice Half Marathon, sulla classica distanza di 21,097 km.

Battuto così ogni record di partecipazione con 15.000 atleti al via nelle tre distanze, di cui circa il 30% sono stranieri. Numeri che riportano Venicemarathon ad essere una delle maratone più affascinanti dell’autunno, e una manifestazione capace di generare un’importante ricaduta economica sul territorio, anche grazie alla sua vetrina mediatica internazionale. La gara sarà trasmessa in diretta da Raisport, visibile sul digitale terrestre (canale 57), sul satellite (canale 227), con collegamento a partire dalle ore 9.35 (orario da confermare) e in streaming, sempre dalle ore 9.35, sui siti www.raiplay.it e www.venicemarathon.it. La diretta sarà trasmessa in Cina con Shanghai TV Sports, in Israele con Sport5 e in Nuova Zelanda con Sky New Zeland, e gli highlights distribuiti in oltre 90 paesi stranieri.

La prima gara a partire sarà la UYN 10K che scatterà alle ore 8.30 dal Parco San Giuliano, seguita dalla UYN Venice Half Marathon che partirà dal ‘salotto’ di Mestre, all’ombra della ‘Torre dell’Orologio’ alle ore 9 e poi la Maratona di Venezia da Villa Pisani a Stra prevista per le ore 9.40 circa. Anche quest’anno la Villa apre, in via del tutto eccezionale, i suoi cancelli per ospitare tutti i servizi pre-gara fino al momento di entrare nelle griglie di partenza. Riva Sette Martiri, a Venezia, accoglierà ininterrottamente dalle 9 del mattino alle 4 del pomeriggio il susseguirsi degli arrivi di tutti i concorrenti. Le tre gare formeranno un lunghissimo e spettacolare serpentone che unirà Stra a Venezia in un ideale abbraccio.

La manifestazione è stata presentata al Museo del ‘900 M9 di Mestre. Come sempre molto commosso, il patron di Venicemarathon Piero Rosa Salva che ha spiegato la genesi della nuova gara: “Archiviato il difficile periodo della pandemia da Covid, ripartiamo quest’anno con grande coraggio e con un progetto, quello della mezza maratona, a cui stavamo lavorando già da tempo e che volevamo lanciare nel 2020. Il nostro sforzo organizzativo è stato quello di creare una partenza nel centro della città e non lungo il percorso della maratona, perchè vogliamo che anche Mestre abbia la sua propria gara inserita nel contesto Venicemarathon. Questa prima edizione, contingentata nei numeri, ha avuto grandissimo successo e siamo molto fiduciosi per il futuro”.

“Siamo felici di proseguire la nostra collaborazione con la Venicemarathon, che da 36 edizioni ha il pregio di portare a Venezia e nel suo entroterra migliaia di sportivi e turisti da tutto il mondo. A manifestazioni come questa va riconosciuto il merito di mantenere viva la città e vitale il suo tessuto economico-produttivo che ha un valore di 45 miliardi di euro. Un mosaico composto per la maggior parte da PMI che testimoniano ogni giorno i valori della cultura d’ impresa: fatica, sacrificio, competizione, miglioramento continuo, collaborazione, divertimento, rispetto, fair play, come nello sport. Per queste ragioni, oltre agli straordinari atleti che parteciperanno alla gara, a vincere la maratona sarà immancabilmente Venezia insieme al suo territorio” ha dichiarato il presidente di Confindustria Venezia Vincenzo Marinese.

Iscrizioni ormai chiuse per sold out sia nella 21K (2.000) che nella 10K (6.500), mentre restano a disposizione un centinaio di pettorali nella maratona (tetto massimo dei 6.500) e ancora qualche pettorale nella VM10K – LILT FOR WOMEN: la corsa ‘in rosa’ (aperta anche agli uomini) organizzata dalla Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori organizza all’interno della UYN10K, per promuovere la cultura della prevenzione oncologica e, allo stesso tempo, celebrare i suoi 100 anni di attività.

Numeri che, come ha sottolineato il coordinatore generale Lorenzo Cortesi genereranno un’importante ricaduta economica: “Con un incremento del 30% degli iscritti, anche la ricaduta economica sul territorio sarà di gran lunga superiore ai 10 milioni di euro stimati nell’ultimo studio della Camera di Commercio di Venezia e Rovigo, dati che poi confermeremo con un nuovo rapporto che realizzeremo post evento”.

“Sarà l’edizione dell’entusiasmo – queste le parole del vice sindaco di Venezia Andrea Tomaello crescono i numeri, tornano le Family Run a pieno regime e si ricomincia ad organizzare anche una serie di attività collaterali di promozione sportiva come il ‘Salta, Corri e Zoga’”.

Da venerdì 21 ottobre, infatti, si entra nel vivo con l’apertura del 31^ Exposport Venicemarathon Village (inaugurazione alle ore 11.30) e appunto con l’iniziativa ‘Salta, Corri, Zoga in autunno’ che vedrà coinvolte moltissime associazioni sportive che allestiranno mini competizioni agonistiche e lezioni dimostrative di natura sportiva.

Anche quest’anno il sorriso e l’allegria di Giusy Versace tornano ad illuminare la Laguna. L’atleta paralimpca, scrittrice, senatrice della Repubblica sarà madrina delle Alì Family Run, le cinque corse non competitive, promosse per il settimo anno da Alì, dedicate alla promozione sportiva nelle scuole, che si sono già svolte a Portogruaro, Chioggia, San Donà del Piave e Dolo-Riviera del Brenta, e che si concluderanno venerdì 21 ottobre a Mestre-Parco San Giuliano, alla presenza della Versace. Una parte del ricavato delle adesioni alla manifestazione andrà a favore proprio della onlus da lei fondata 11 anni fa, la Disabili No Limits, attraverso la quale fornisce protesi e ausili utili a persone con disabilità che hanno il desiderio di avvicinarsi alla pratica sportiva.

“Non vedo l’ora di applaudire le migliaia di studenti che venerdì mattina si scateneranno nei viali del Parco San Giuliano, e mi entusiasma sapere che la loro corsa sarà soprattutto un gesto di solidarietà verso gli altri. Come spesso ripeto, chi la disabilità non la vive, può correre prestando virtualmente le gambe a chi non le ha” queste le parole di Giusy Versace.

Inoltre, come sottolineato dalla Governatrice Eletta del Rotary Distretto 2060 Tiziana Agostini, le Alì Family Run rappresentano anche quest’anno un importante veicolo per diffondere la cultura e l’importanza della vaccinazione contro la poliomielite, attraverso lo slogan “EndPolioNow” presente su tutte le t-shirt.

Contenti di celebrare e applaudire il passaggio di questa 36esima edizione della Venicemarathon sono anche i sindaci della Riviera del Brenta intervenuti questa mattina come il sindaco di Stra Caterina Cacciavillani, il sindaco di Fiesso d’Artico Marco Cominato, il sindaco di Dolo Gianluigi Naletto, il sindaco di Mira Marco Dori e la Responsabile Promozione, Comunicazione e Rapporti Istituzionali dell’Autorità di Sistema Portuale Federica Bosello.

Erano presenti alla conferenza anche due dei fondatori di Venicemarathon, che oggi ricoprono importanti cariche sportive come Francesco Uguagliati, presidente Fidal Veneto “Con il ruolo che ricopro, ne ho viste molte di maratone nel mondo, ma nessuna è tanto bella e affascinante quanto difficile dal punto organizzativo come la Maratona di Venezia. Solo chi è stato dietro le quinte capisce di cosa sto parlando” e Massimo Zanotto, oggi presidente del Cus Venezia “La Venicemarathon ha sempre avuto la capacità di innovarsi, con uno sguardo alla sostenibilità, all’inclusione, all’integrazione e all’ambiente, valori che nello sport tutte le società sportive dovrebbero perseguire”.

Come annunciato dal vice presidente di Venicemarathon Stefano Fornasier, è stata costruita una gara élite di alto livello, con l’obiettivo di abbassare il record della maratona sia in campo maschile (2h08’13”) che in quello femminile (2h23’37”).

Tra gli uomini, l’Etiopia è il paese che schiera il più alto numero di ‘top athletes’, guidati da Regasa Mindaye Bejiga, terzo alla Maratona di Siviglia nel 2020 con il personale di 2h06’24”, Kibrom Desta Habtu (02h07’05”) fatto registrare lo scorso anno alla Maratona di Barcellona, Lemi Dumecha Beyi vincitore nel 2020 della Maratona di Castellon (Esp) in 2h07’43”, Abe Gashahun Tilahun (02h09’25” – Maratona di Barcellona 2021), Werkunesh Seyoum Aboye (02h09’25” – Maratona di Roma 2017), Gizachew Hailu Negasa (02h09’26” – Maratona di Barcellona 2019), Sahlesilassie Nigussie Bekele, vincitore della Maratona di Stoccolma nel 2019 in 2h10’10” e, nello stesso anno, anche di quella di Firenze. Completano il cast maschile, il vincitore quest’anno della mezza maratona dei Giochi del Mediterraneo, il marocchino Outalha Mouhcine, il connazionale Abdellah Tagharrafet (02h08’48” – Maratona di Daegu ‘22) e l’ugandese Mutai Munyo Solomon, bronzo di maratona ai Mondiale di Pechino nel 2015 e che detiene un personale di 02h08’25” fatto registrare alla Maratona di Vienna nel 2019 dove arrivò terzo. Dal Kenya arrivano John Kiprono Langat (02h07’11” – Eindhoven 2019), Richard Kiprop Mengich (02h08’46” – Parigi 2017) e Emmanuel Rutto Naibei (02h08’27” – Guangzhou, 2019). Da segnalare anche Robert Kipchirchir Mwei, al debutto sulla distanza ma che vanta sulla mezza maratona un personale di 01:00:21. Tra le donne, da evidenziare le keniane Rebecca Kangogo Chesire, seconda alla Maratona di Vienna lo scorso anno in 2h24’25”, Lucy Mugambi Karimi, terza alla Maratona di Ginevra, sempre nel 2021, in 2h24’24” e Maurine Jelagat Kipchumba, al debutto in maratona ma che vanta un personale di 1h11’55”. Occhi puntati anche sull’etiope Amane Gobena Gemeda, che ha come miglior crono il tempo di 2h21’51” ottenuto alla maratona di Tokyo nel 2016.

Gli altri componenti del cast verranno presentati all’Exposport Venicemarathon Village sabato 22 ottobre alle ore 11.30.

Presenti in conferenza anche Mattia Bazzoni di UYN “Corriamo al fianco di Venicemarathon dal 2018, ma quest’anno abbiamo voluto cambiare passo diventando title sponsor, perché crediamo in questa manifestazione che riteniamo essere la più bella del mondo e alla quale contribuiamo con il nostro Made in Italy, la nostra ricerca e tecnologia applicata ai tessuti della maglia tecnica che tutti gli atleti riceveranno”, Federico Bacciolo di Banca Ifis che ha illustrato il meccanismo della 1^ Banca Ifis Corporate Cup: “Un’altra novità di questa edizione 2022 è la nascita di questa avvincente e simpatica competizione ideata per i dipendenti di piccole-medie-grandi aziende che vorranno mettersi in gioco e competere sulle distanze di 42-21-10K per conquistare il trofeo aziendale” e Francesco Palmisano “Facciamo conoscere la nostra storia e la nostra tradizione agli atleti di tutto il mondo, attraverso i biscotti che forniamo per i ristori e per il pacco gara e siamo felici quando le persone ci scrivono per aver apprezzato i nostri prodotti”.

Venicemarathon è anche un appuntamento importante per la solidarietà e una vetrina di prestigio per moltissime associazioni no profit e progetti benefici di carattere, internazionale, nazione e locale che ogni anno aderiscono al Venicemarathon Charity Program, ingaggiando runners dal cuore grande, che diventano ambasciatori di un progetto solidale e si attivano per raccogliere fondi tra amici e parenti. Quest’anno le sono 21 le associazioni coinvolte e la maratona solidale ha già raccolto oltre 60.000 euro.

Infine, come illustrato dal direttore dell’Unità Organizzativa della Direzione Turismo della Regione del Veneto Nadia Giaretta, Venicemarathon e Regione Veneto corrono assieme verso il traguardo della sostenibilità attraverso il progetto Take It Slow, finanziato nell’ambito del programma Interreg Italia Croazia. La Regione sta realizzando una serie di interventi per potenziare l’offerta turistica puntando sulla consapevolezza e il rispetto, tanto dell’ambiente quanto delle persone, per creare in Veneto destinazioni sempre più sostenibili e accessibili, considerando i bisogni di tutti.

La 36^ UYN Venicemarathon è organizzata da Venicemarathon e realizzata grazie all’imprescindibile supporto dei Comuni di Venezia, Stra, Fiesso d’Artico, Dolo e Mira. Fondamentale inoltre, anche quest’anno, il contributo della Regione Veneto, della Città Metropolitana di Venezia, della Prefettura, della Questura, del CONI, FIDAL, CIP e AIMS, della Camera di Commercio Venezia Rovigo, Confindustria Venezia, dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale, dei Vigili del Fuoco, della Polizia di Stato, Stradale, delle Telecomunicazioni, e di Frontiera, dei Carabinieri, delle Polizie Municipali, della Protezione Civile della Città Metropolitana di Venezia e di tutte le altre Istituzioni e Forze dell’Ordine che da sempre contribuiscono in maniera determinante alla riuscita dell’evento.

Sono Sponsor della 36^ UYN Venicemarathon: UYN (Title and Techical Sponsor), HOKA (Official Shoe), Alì (Main Sponsor), Banca Ifis (Main Partner), BMW Ceccato Motors (Official Car), Pro Action (Nutrition Partner), San Benedetto (Official Water), Dole (Official Supplier), 1/6H Sport (Official Shop), Palmisano (Official Biscuits), Morato Pane (Official Supplier) Master Aid (Official Medical Supplier), Officinalis (Official Medical Supplier), Bavaria (Official Beer). Partner: M9, Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale Porti di Venezia e Chioggia, APVInvestimenti, Confindustria Venezia. Supplier: Coldiretti, Veritas, Shokz, TDS, Fairnbnb.coop, Interparking, Tronchetto Parking, Virgin Active, Alilaguna e Costantini. Media Partner: Corriere dello Sport, Tuttosport, Correre, Sport Economy e Il Gazzettino. Innovation Partner: ChainOn. Official Radio: RDS.

La 36^ UYN Venicemarathon rientra nel programma ‘Citta in Festa’ del Comune di Venezia.

Per maggiori informazioni: www.venicemarathon.it