06 03/20

Covid-19, Istituti di Credito attivano misure a sostegno di famiglie e imprese

Sono numerosi gli Istituti di Credito che hanno attivato misure a sostegno di famiglie e imprese per affrontare e superare l’impatto economico della diffusione di Covid-19.

Intesa Sanpaolo prevede la sospensione per 3 mesi delle rate dei finanziamenti in essere, per la sola quota capitale o per l’intera rata, per tutte le famiglie residenti e per tutte le aziende con sede operativa nei comuni oggetto di Ordinanza (Vo’ Euganeo, Codogno, Castiglione d’Adda, Casalpusterlengo, Fombio, Maleo, Somaglia, Bertonico, Terranova dei Passerini, Castelgerundo e San Fiorano). Il provvedimento è esteso anche alle aziende presenti sul territorio nazionale che dovessero subire riduzioni dell’attività per effetto delle limitazioni agli scambi commerciali e di fornitura e ai privati, qualora il datore di lavoro, trovatosi in difficoltà a causa di questa emergenza, non potesse ricorrere ai benefici degli ammortizzatori sociali.

Anche Banca Monte dei Paschi supporta i clienti delle aree colpite dai provvedimenti restrittivi. Nello specifico, prevede per le famiglie residenti e le aziende aventi sede operativa/legale negli undici comuni colpiti una moratoria di sei mesi delle rate di finanziamento (quota capitale o l’intera rata) e prestiti a tasso agevolato. La Banca, inoltre, valuterà le misure a sostegno delle aziende, e dei suoi dipendenti, che presentassero difficoltà derivanti dalla riduzione dell’attività produttiva e commerciale.

Unicredit, in aggiunta alle iniziative predisposte e comunicate lo scorso 24 febbraio, ha deciso di applicare il Pacchetto Emergenza ampliato. Esso prevede: l’azzeramento delle commissioni di prelievo su circuito Bancomat presso gli ATM non UniCredit presenti nei Comuni delle “zone rosse”, a favore di titolari di carte di debito emesse dalla banca. Concede una moratoria di 12 mesi sui canoni leasing per le Imprese negli 11 comuni interessati e, previa valutazione sull’effettivo danno subito, sospensione di 6 mesi del pagamento dei canoni leasing in tutte le 7 Regioni ad oggi colpite. Favorisce, inoltre, il rafforzamento dei servizi di consulenza a distanza, che consentono ai clienti di non recarsi in una filiale fisica, mettendo a loro disposizione un team di consulenti a distanza raddoppiato.

Il Gruppo Cassa Centrale mette a disposizione la moratoria integrale (capitale e interessi) sulle rate dei mutui per i 6 mesi successivi alla richiesta, con pari allungamento del piano di ammortamento, per tutte le famiglie residenti e le imprese aventi sede legale nei Comuni oggetto di Ordinanza (c.d. “zona rossa”). La moratoria sarà prorogabile di ulteriori 6 mesi in funzione dell’effettiva durata dell’emergenza.
Sarà inoltre possibile richiedere la moratoria integrale (capitale e interessi) sulle rate dei mutui per i 12 mesi successivi alla richiesta, con pari allungamento del piano di ammortamento, per i privati che, in ragione delle limitazioni subite nell’attività lavorativa autonoma svolta o delle limitazioni patite dal datore di lavoro a causa dell’emergenza, incorrano in una riduzione transitoria dei flussi reddituali disponibili.
Il Gruppo Cassa Centrale prevede poi la moratoria sulla quota capitale delle rate dei mutui per i 6 mesi successivi alla richiesta, con pari allungamento del piano di ammortamento, per tutte le imprese socie che dimostrino di aver subito un temporaneo sacrificio della loro normale attività per effetto delle limitazioni degli scambi commerciali e dei rapporti di fornitura.
Concede, inoltre, la proroga fino a 120 giorni degli anticipi import in essere, in caso di mancata ricezione della merce per motivazioni direttamente correlate al Corona Virus. Applica, infine, apposite linee di credito di liquidità per le imprese socie operanti nel settore turistico, o ad esso connesse, che abbiano subito un rilevante numero di disdette delle prenotazioni o degli ordinativi.