20 05/22

Dove va il mondo? Scenari e rivoluzioni, in corso e prevedibili: l’analisi della Fondazione Nordest

Pandemia e conflitto ucraino hanno aggiunto il rischio politico alle esistenti ragioni di reshoring.

È quanto evidenzia l’analisi della Fondazione Nordest, presentata dal direttore Luca Paolazzi “Dove va il mondo? Scenari e rivoluzioni, in corso e prevedibili”.

Le tre rivoluzioni in corso – circolare, digitale, rinnovabili – sono legate con filo verde e implicano un radicale rovesciamento di comportamenti, che può avvenire solo con un’ondata di investimenti pubblici, e privati. I primi catalizzano i secondi, perché aumentano la domanda presente e attesa e promuovono la competitività per quanto riguarda infrastrutture, riforme, ricerca e istruzione.

Va considerato, inoltre, che in tutto il mondo è in corso un nuovo ciclo di investimenti privati, per adeguare processi e prodotti alle tre rivoluzioni, con effetti di emulazione e trasmissione.

In campo energetico l’obiettivo è arrivare al 72% di rinnovabili entro il 2030 dal 20% nel 2019. Nel digitale il target è la piena connettività ad alta velocità in tutto il Paese per il 2026.

In allegato le slide di approfondimento.

17 maggio 2022 Venezia