02 07/21

Energie rinnovabili, firmato memorandum d’intesa tra Hydrogen Park e Lombardy Energy Cleanteh Cluster

Il Presidente di LE2C Luca Donelli ed il Presidente di Hydrogen Park Andrea Bos.

Dare applicazione alla strategia europea dell’idrogeno attraverso progettualità condivise. È quanto prevede il memorandum d’intesa che hanno firmato a Marghera, nella sede di Confindustria Venezia, il Presidente di Hydrogen Park Andrea Bos e il Presidente di Lombardy Energy Cleantech Cluster (LE2C) Luca Donelli.

L’accordo mira ad individuare possibili sistemi di integrazione territoriale, per dare impulso e diffondere l’utilizzo dell’idrogeno verde sia nel settore industriale che in quello dei trasporti. Favorisce la creazione e il potenziamento tecnologie di produzione dell’energia da fonti rinnovabili, incentivando quelle applicate all’idrogeno, attraverso lo sviluppo di progetti pilota. Facilita, inoltre, l’avvio di processi di simbiosi e riconversione industriale in chiave sostenibile nei territori del Veneto e della Lombardia.

La sottoscrizione di questo memorandum d’intesa si pone sulla scia della strategia europea per l’idrogeno, declinata attraverso il PNRR italiano, che riconosce alle fonti da idrogeno verde un ruolo primario per la transizione energetica e dei trasporti. La riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra, del resto, è uno dei principali obiettivi che l’UE si è impegnata a conseguire entro il 2030, per raggiungere la neutralità climatica entro il 2050.

In tale contesto, Hydrogen Park ha maturato una lunga esperienza nella promozione di tecnologie e nello sviluppo di energie da fonti rinnovabili dando origine, a Porto Marghera, alla prima Hydrogen Valley italiana. Analogamente il cluster LE2C, riconosciuto dalla Regione Lombardia, da oltre 11 anni facilita il dialogo tra imprese e centri di ricerca e favorisce l’aggregazione propedeutica all’avvio di progetti innovativi in ambito energetico.

“Considerata la naturale integrazione delle filiere industriali della Lombardia e del Veneto ed il percorso di collaborazione avviato dalle due Regioni in vista delle Olimpiadi Invernali Milano Cortina 2026, il memorandum d’intesa sottoscritto con LE2C aggiunge valore alla progettualità di Hydrogen Park. Rende possibile l’allargamento ad altri segmenti delle rinnovabili e la condivisione della strategia per l’idrogeno messa a punto con l’accordo Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale – Hydrogen Park. L’obiettivo è quello di condividere ed incrementare i punti di accesso all’offerta energetica dell’Hydrogen Valley di Porto Marghera, prima in Italia, estendendoli al sistema industriale della Lombardia. In questo modo, intendiamo sostenere la conversione green delle filiere a partire dai distretti altamente energivori. È questo il primo tassello di un progetto più ampio, che mira a mettere a sistema tutta la catena dell’idrogeno, per garantire al Paese un rapido completamento del processo di transizione energetica” afferma il Presidente di Hydrogen Park Andrea Bos.

“Lo sviluppo dell’idrogeno rappresenta uno dei quattro pilastri del Piano Strategico 2021-27 di LE2C unitamente a riduzione della CO2, simbiosi industriale e digitalizzazione. La collaborazione con Hydrogen Park, avviata con la partecipazione del Presidente Bos al nostro #LE2CDay2021, può favorire la nascita di nuove collaborazioni tra le due regioni, promuovere nuove sinergie, individuare rispettivi punti di forza e facilitare un’adeguata divulgazione di queste soluzioni innovative. Sono certo che la firma di questo Memorandum of Understanding sia il punto di partenza di un percorso comune e l’occasione di confronto tra due realtà differenti, ma con ben chiari gli obiettivi di sostenibilità” dichiara il Presidente LE2C Luca Donelli.