20 11/20

PMI più forti sui mercati con il supporto del manager

La figura del manager è strategica per le piccole e medie imprese e può accelerare in modo determinante il loro posizionamento competitivo. È quanto è emerso dai risultati del progetto + Manager X PMI = Successo, promosso da Confindustria Venezia in collaborazione con Federmanager e supportato da 4.Manager.

L’iniziativa, avviata lo scorso gennaio, ha messo a disposizione di 21 aziende 7 professionisti senza oneri e per un periodo di 30 giornate lavorative nell’arco di 11 mesi. Ai dirigenti era stato affidato il compito di sviluppare la cultura dell’innovazione, di orientare il cambiamento dei meccanismi di comunicazione interna e di incoraggiare la nascita di nuove idee e soluzioni. Il loro operato, inoltre, era orientato a favorire la costituzione di reti d’impresa: ambiti privilegiati per la condivisione delle competenze.

I manager sono stati di grande sostegno per le aziende che, in un periodo di attività segnato dalla pandemia da Covid-19, si sono trovate a dover affrontare importanti e urgenti processi di cambiamento. Ogni dirigente ha supportato più PMI in un ambito specifico, con l’obiettivo di promuovere un proficuo scambio di esperienze. Il manager qualificato per l’internazionalizzazione, ad esempio, ha sviluppato progetti volti all’acquisizione di nuovi mercati. Quello specializzato in digitalizzazione ha avviato percorsi di informatizzazione. Talvolta la condivisione di obiettivi comuni ha favorito processi di aggregazione. È quanto avvenuto per le tre aziende coinvolte nel progetto dedicato alla sostenibilità, un primo passo verso la possibile costituzione di una rete d’impresa.

Sono numerose le realtà produttive venete con un grande potenziale di crescita, che tuttavia non riescono a esprimere a causa delle ridotte dimensioni. In questo scenario, i processi di aggregazione più di tutti sono in grado di fortificare e preparare il nostro tessuto produttivo alle grandi sfide internazionali.

Non da ultimo, + Manager X PMI = Successo ha promosso le politiche attive del lavoro dando continuità ai progetti avviati, anche grazie agli incentivi regionali e nazionali a supporto delle prestazioni consulenziali di temporary manager.

“In questa particolare fase economica, all’Italia viene offerta l’occasione di risolvere alcune delle sue criticità – dichiara il Presidente di Confindustria Venezia Vincenzo Marinese –. Il tessuto di PMI rappresenta l’ossatura del nostro Paese ed un modello all’estero. In uno scenario sempre più globale, è tuttavia necessario avviare percorsi di crescita dimensionale e manageriale. Per questo attingiamo alla riserva di competenza di 4.manager. Come imprenditori stiamo facendo il possibile per vincere tale sfida. Chiediamo ora al Governo di fare altrettanto, perché al momento è del tutto assente una politica industriale. Le enunciazioni non bastano: pretendiamo maggior ascolto e rispetto”.

“Come Federmanager siamo molto soddisfatti per la felice conclusione del Progetto, che ha visto i nostri migliori dirigenti affrontare alcuni problemi emergenti, nei settori di innovazione dei modelli di business, presso 21 imprese dell’Area Metropolitana di Venezia e Rovigo. La piena collaborazione realizzatasi tra il Gruppo di Progetto, le Proprietà aziendali e i loro referenti, ci ha consentito di concludere il progetto entro i tempi programmati, e in conformità agli obiettivi condivisi, questo, nonostante le difficili situazioni di emergenza sanitaria a inizio e fine periodo” sottolinea il Presidente di Federmanager Venezia Mario Merigliano.

“Le competenze manageriali – dichiara il Direttore Generale di 4.Manager Fulvio D’Alvia – costituiscono un driver per la ripresa e il futuro delle imprese italiane. Puntare su progetti che rispondono alle reali esigenze dei territori significa contribuire all’auspicata ripresa del sistema produttivo. Per questo è importante favorire strumenti che sostengono le politiche attive del lavoro dei manager, in grado di accelerare la crescita delle PMI in settori chiave come l’innovazione e l’internazionalizzazione”.

Nella foto d’archivio, l’evento di presentazione del progetto, avvenuto il 27 gennaio scorso.